Spotify, guadagnare 288 mila dollari al mese con brani falsi

Guadagnare 288 mila dollari al mese con una lista di brani falsi su Spotify, un utente Bulgaro ci è riuscito, ecco come:

Spotify è una delle piattaforme più popolari che, come tutti le altre, consente all’utente di scegliere il contenuto per artista, album o playlist personalizzate.

Il servizio di streaming musicale è presente in un gran numero di paesi, tra cui Regno Unito, Stati Uniti, Francia, Danimarca, Italia e Colombia.

Attualmente conta oltre 140 milioni di visitatori, di cui oltre 60 milioni di utenti dal servizio a pagamento e solo nel primo semestre del 2017 ha ottenuto ricavi per oltre 900 milioni di euro, la maggior parte dei quali come pubblicità sulla piattaforma.

Tuttavia, l’applicazione musicale non è l’unica che ottiene vantaggi economici, anche un utente è riuscito a guadagnare 288 mila dollari al mese grazie a 1.200 account e una lista di canzoni false.

Music Business Worldwide ha scoperto la truffa di un utente bulgaro (o più di uno) che ha caricato 467 brani di poco più di 30 secondi, che è il minimo che deve essere riprodotto da Spotify per pagare l’autore.

Ha creato la lista Soulful Music con 1.800 iscritti, di cui 1.200 hanno ascoltato le canzoni più di una volta. I media hanno ritenuto che si tratti di una sorta di truffa (non è noto se sia illegale) in cui hanno creato 1.200 utenti premium e li hanno messi ad ascoltare la lista per 24 ore al giorno.

I calcoli di MBW hanno indicato che per mille 200 utenti che ascoltano le 467 canzoni suppone un totale di circa 60 mila riproduzioni al mese, che moltiplicato per il numero di utenti, genera 72 milioni di riproduzioni.

Se Spotify, nel peggiore dei casi, paga $0,004 a riproduzione, l’utente o gli utenti bulgari hanno guadagnato tra i 288 mila e 415 mila dollari al mese in royalties .

Detto questo, l’applicazione ha rilasciato una dichiarazione ai media in cui assicura di contrastare con tutti i mezzi a sua disposizione contro queste pratiche, ma né ha confermato né smentito il caso bulgaro.

Guadagnare con iTunes e Spotify? È possibile!

Condividi per aumentare la visibilità del post...
Share on Facebook
Facebook
1Share on Google+
Google+
0Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin
Email this to someone
email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *