Quanto guadagna un giocatore professionista di videogiochi 2018?

Gli sport elettronici stanno diventando uno dei mercati più redditizi negli ultimi anni. Scopri in questo articolo quanti soldi guadagna un “Pro-Player”.

Quanto guadagnano esport

Fin dalla creazione dei videogiochi, la competitività è stata una caratteristica tipica di molti, dal momento che la maggior parte dei giochi coinvolgono la possibilità di raggiungere un punteggio massimo o il superamento di livelli, un obiettivo più complicato dell’altro.

Ma il loro vero potenziale è venuto alla luce quando i giochi hanno iniziato a essere creati per sfidare altri giocatori e metterli alla prova sulle rispettive abilità. Al giorno d’oggi, il termine di sport elettronico o eSport si è evoluto per diventare uno sport ufficiale in alcuni paesi asiatici, in Europa e negli Stati Uniti.

All’inizio, i giocatori hanno creato i loro tornei per la passione e un confronto sano, puntando somme simboliche di denaro per premiare il campione delle competizioni. Grazie alla rivoluzione di Internet, ora possiamo parlare di milioni di figure che si muovono intorno all’ecosistema degli eSport, con i giocatori che sono la spina dorsale di tutta l’organizzazione.

Una domanda è ovvia: quanti soldi guadagna un giocatore professionista di videogiochi? Definire una cifra esatta è impossibile. Come altri sport o lavori formali, il guadagno dipende da molti aspetti come l’abilità, l’esperienza, i record e la popolarità del giocatore.

Ci sono tre modi principali in cui un “giocatore professionista” può guadagnare reddito:

Vincere i tornei

L’unico modo per dimostrare il valore e la capacità di un giocatore è attraverso competizioni che possono essere locali, nazionali, regionali, internazionali o globali. Ognuno di questi tornei dispone di un “montepremi” che viene distribuito tra tutti i giocatori e le squadre partecipanti.

I giocatori più richiesti sul mercato sono quelli che dimostrano una capacità di gioco superiore agli altri in una competizione, indipendentemente dal fatto che la loro squadra abbia vinto o perso in essa, anche se le posizioni influenzano anche il valore del giocatore.

I più grandi premi nella storia degli eSport sono stati concessi da Valve e dal suo videogioco Dota 2, assegnando nel loro campionato mondiale, 25 milioni nel 2017 e 24 milioni di dollari nel 2018.

Appartenenza ad un squadra

I migliori “Giocatori professionisti” di ogni videogame, come ad esempio il calcio, sono affiliati a squadre o club per rappresentarli nelle competizioni future o su base continuativa. Nomi come Fnatic, Cloud9, Team Liquid , tra gli altri sono i più noti, offrono un accordo tra il giocatore e il club, per il loro ingresso ufficiale, con uno stipendio e benefici a seconda del tipo di contratto.

Tutti questi club mantengono segreti gli accordi stipulati con i giocatori, ma nel 2017 la rinnovata League of Legends Championship Series (LCS) e la Overwatch League hanno definito uno stipendio minimo per giocatore, grazie al sistema di franchising negli Stati Uniti, che varia tra 50 mila e 75 mila dollari all’anno.

Mentre in Italia non esiste un salario minimo, in Europa in Spagna, LVP, ha stabilito un compenso massimo per controllare meglio i guadagni di ciascun giocatore, con un importo approssimativo di $ 1740 al mese.

Ottenere sponsorizzazioni o produrre video streaming

Anche se entrambe le sezioni possono essere trattate separatamente, l’una completa l’altra. Ci sono diversi produttori interessati a sponsorizzare o diventare sponsor dei giocatori, pagando loro una somma di denaro per utilizzare il loro logo o menzionarli costantemente.

Qui entra in gioco la popolarità del pro-player, che viene conquistato attraverso partite con la sua squadra, tornei o dirette dal vivo. Twitch è la piattaforma preferita per gli atleti elettronici se vogliono trasmettere le loro giocate live, dal momento che permette di guadagnare un po’ di soldi attraverso sottoscrizioni e le menzioni di cui si è parlato precedentemente.

Un grande esempio di tutto ciò è Ninja , un giocatore professionista di Fortnite, che è arrivato nell’aprile di quest’anno ad avere oltre 250 mila iscritti a Twtich. Considerando che ha guadagnato 3,5 dollari per ciascuno, la cifra totale ammonta a 875 mila dollari al mese solo con la piattaforma di streaming.

Allo stesso tempo, ancora una volta dobbiamo tornare all’inizio per ricordare l’elemento più importante di tutti: la competitività. Alcuni anni fa gli eSport non erano così popolari ei giocatori potevano essere incoronati campioni senza molta fatica perché non c’erano molte squadre con cui competere.

Oggi, molte persone aspirano a diventare giocatori professionisti e devono battersi in ogni momento nella scalata di posizioni mondiale per dimostrare il loro valore e, si spera, in una chiamata di qualche squadra per giocare con loro.

La strada è difficile. Richiede dedizione e disciplina, ma è a causa di queste caratteristiche che nomi come “Faker” sono conosciuti in tutto il mondo. Lee “Faker” Sang-hyeok, considerato il miglior giocatore di League of Legends, guadagna circa 4,6 milioni di dollari l’anno, considerando lo stipendio base della sua squadra, le sponsorizzazioni e i tornei vinti.

Guardando in casa nostra c’è anche un italiano, si chiama Daniele Paolucci,  la nuova stella dell’eSport italiano: dopo essersi laureato campione europeo al torneo ufficiale di FIFA 17 Ultimate Team, IcePrinsipe, questo il suo “nome d’arte”, recentemente è stato ingaggiato da Red Bull.

Condividi per aumentare la visibilità del post...
Share on Facebook
Facebook
0Share on Google+
Google+
0Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin
Email this to someone
email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *