Le nuove funzionalità di Android Q

Abbiamo ricevuto molte informazioni su Android Q e la nota chiave ha confermato molte delle voci che avevamo sentito prima della data di rilascio del sistema operativo. Possiamo dire che l’aggiornamento di Android Q non è previsto fino ad agosto, ma al momento è possibile scaricare e installare Android Q beta 3 e usufruire di alcune funzionalità che non erano in beta 2.

logo Androin Q

Ma cos’altro c’è di nuovo con Android Q?

Abbiamo un elenco delle funzioni che potrete leggere di seguito.

Google ha delineato sei fasi per il suo processo beta di sei mesi, tra cui la versione iniziale, tre aggiornamenti incrementali, un aggiornamento con le API finali e l’SDK ufficiale, quindi due candidati al rilascio.

Questo tutto prima della versione finale di Android 10. I suoi aggiornamenti mensili dovrebbero darci una data ufficiale di rilascio di Android Q in agosto e, storicamente, è lo stesso momento in cui abbiamo visto il lancio dell’aggiornamento finale nelle versioni precedenti di Android.

Ma ciò non significa che ogni telefono Android avrà Android Q entro agosto. Il lancio su altri telefoni Android avverrà per tutto il 2019 e anche nel 2020, dato che diversi produttori aggiungono le proprie caratteristiche e interfacce al sistema operativo. C’è la possibilità che dovrai aspettare mesi dopo la versione iniziale di Android Q prima di vedere l’aggiornamento del sistema operativo sul tuo dispositivo.

Android Q quali sono le novità?

LE 22 NOVITÀ di ANDROID 10 Q Beta 4:

Stiamo avendo in questi giorni un’idea più chiara delle nuove funzionalità di Android Q, grazie alla versione beta del sistema operativo mobile di Google.

Altre funzionalità e correzioni di bug sono state fornite con la beta 3 e ci aspettiamo lo stesso da Android Q beta 4 all’inizio di giugno. Alcuni dei cambiamenti sono confermati, mentre altri rimangono. Una caratteristica che Android Q non ha è Android Beam, il metodo di condivisione peer-to-peer NFC quando due dispositivi si trovano nelle vicinanze. Il posizionamento dei telefoni back-to-back non farà succedere nulla nel software beta e nemmeno in quello finale.

Google sostituirà Android Beam con un altro metodo di condivisione peer-to-peer? Questo rimane da vedere e scoprire. Potremmo dover attendere fino alla data finale di rilascio di Android Q per vederlo, o forse quando verrà lanciato Google Pixel 4. Android Q si sta preparando per i telefoni pieghevoli che nel 2019 avranno il loro picco di vendita.

Ad esempio il Samsung Galaxy Fold passa agevolmente da uno stato di schermo all’altro. Google sostiene in modo nativo questo tipo di continuità dell’interfaccia utente nel back-end, ma probabilmente arriverà a telefoni più ripiegabili quando si avvierà con Android Q a bordo.

Con questo siamo giunti al termine di questo articolo sperando che sia stato di vostro gradimento e che sia stato utile a rispondere alle domande che vi hanno portati fino a questa pagina web.

Condividi per aumentare la visibilità del post...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *