La storia di Netflix, come il suo fondatore ha costruito un impero dopo aver perso un film della videoteca

Il 29 agosto 2018, l’azienda ha celebrato 21 anni. Ed è passato dall’essere un concorrente di Blockbuster al principale distributore di Hollywood. Le chiavi del successo

Netflix Storia

Ogni grande azienda ha una grande storia da raccontare. E questo è il caso di Netflix, fondato 21 anni fa, la cui idea è nata a causa di un problema che oggi sembra surreale: restituire un film in una videoteca.

La leggenda vuole che Reed Hasting abbia avuto l’idea di creare una compagnia di consegna di DVD a domicilio quando affittò il film Apollo 13 in un negozio di Blockbuster e non è stato in grado di restituirlo perché lo aveva smarrito.

In questo modo, Hasting è dovuto recarsi in negozio e pagare una sanzione di 40 dollari, il che gli a provocato molto imbarazzo e lo ha motivato a ragionare di come cambiare il mercato.

“Ho iniziato a cercare l’idea di creare un noleggio di film per corrispondenza, non sapevo nulla di DVD e poi un amico mi ha raccontato che questa tecnologia stava emergendo. Sono corso in un Tower Records a Santa Cruz, in California, e mi sono spedito alcuni film: solamente il CD in una busta. Passarono 24 ore prima che la posta arrivasse a casa mia, l’ho aperta e il tutto era in condizioni perfette, fu questo il momento di maggiore emozione”, ha dichiarato il dirigente alla rivista Fortune.

La storia sembra vera. Infatti, dal proprio account Twitter di Netflix, nel 2009 hanno festeggiato gli anni con un cenno a questa data il 20 luglio, anniversario dello sbarco dell’uomo sulla Luna.

Happy Moon Landing Day! Late fees for #Apollo 13 started it all for Netflix founder, Reed Hastings – rent it today!

— Netflix US (@netflix) July 20, 2009

Ma il co-fondatore ed ex CEO Marc Randolph afferma che è solamente una “storia sexy” per spiegare come funziona Netflix. E così la fine di BlockBuster – che si sarebbe conclusa per  non essersi adattato al mondo digitale come Netflix – e il “momento di eureka” non sarebbe esistito.

Secondo lui, l’origine dell’azienda fu quando le società Pure Software (create da Hasting) e Atria (create da Randolph) si unirono per essere vendute a terzi. E l’idea era quello di creare un “Amazon diverso“, in questo caso, un sistema che distribuisce DVD invece di libri.

Il 29 agosto 1997, la società è stata fondata nello stato del Delaware, negli Stati Uniti, con il nome di Kibble, che successivamente è cambiata in NetFlix.com e, infine, solo Netflix. Dopo un decennio di attività, la società ha cambiato il suo business: distribuire tutti i contenuti su Internet .

Sbaragliare la concorrenza

Un’altra chiave del successo di Netflix è che, come servizio, sarebbe stato rapidamente imitato dalla concorrenza, che avrebbe potuto acquistare facilmente i diritti per distribuire materiale. Per questo motivo, si è lanciata alla creazione si serie e film di sua proprietà, che possono essere visti solo sulla sua piattaforma.

Il primo è stato “House of Cards“, interpretato da due pesi massimi di Hollywood: l’attore Kevin Spacey e il regista David Fischer. Li ha conquistati offrendo loro un contratto per due stagioni, cosa rara nel settore.

Il content manager, Ted Sarandos , ha raggiunto la notorietà nell’ambiente offrendo una notevole quantità di denaro per i grandi contratti .

Un esempio di questo è “Sense8“, una superproduzione delle sorelle Wachowski, che ha un budget di 108 milioni di dollari a stagione. E non è l’unica produzione “costosa” che può essere trovata sulla piattaforma: “Marco Polo” ha un costo 90 milioni di dollari a stagione, “House of Cards“, raggiunge $ 60 milioni; e “Orange is the New Black” si aggira su i 50 milioni di dollari.

Si è anche concesso il lusso di “resuscitare” serie popolari di qualche anno fa, come “Full House” o “Gilmore Girls“. E prossimamente nei loro schermi uscirà l’opera di Shonda Rhimes, creatrice di “Grey’s Anatomy” e “How to Get Away From Murder“.

Pubblico in aumento

Attualmente, è uno dei principali distributori di Hollywood e anche uno dei maggiori produttori di contenuti audiovisivi.

L’azienda è ancora gestita da Hastings e ha già 104 milioni di clienti in tutto il mondo, che guardano 125 milioni di ore di video al giorno. Il grafico seguente mostra la crescita esponenziale della sua base di utenti, dove circa la metà proviene dagli Stati Uniti, quindi c’è ancora molto da crescere:

grafico Netflix

Inoltre, quest’anno Netflix distribuirà circa 6 miliardi di dollari in contenuti, molti dei quali sono produzioni proprie che possono essere visualizzate solo sulla sua piattaforma.

La cosa curiosa è che Netflix ha offerto a Blockbuster la gestione della sua piattaforma online e in qualche modo si integrano con la più grande catena di negozi di video nel mondo.

Ma Blockbuster, non solo non ha accettato la proposta, ma ha anche perso la possibilità di acquistare Netflix per 50 milioni di dollari. Nel 2013 è andato in bancarotta.

Condividi per aumentare la visibilità del post...
Share on Facebook
Facebook
0Share on Google+
Google+
0Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin
Email this to someone
email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *