La frequenza di rimbalzo, che cos’è?

Di tutti i dati statistici disponibili in un account Google Analytics, il concetto di “frequenza di rimbalzo” è forse quello che è meno comprensibile. La frequenza di rimbalzo può variare notevolmente da un sito all’altro e capire perché la frequenza di rimbalzo è alta, potrebbe essere necessario un attenta verifica.

Analizzare e comprendere la frequenza di rimbalzo del vostro sito può essere noioso, è necessario identificare le pagine che funzionano bene e quali possono essere ottimizzati.

Generalmente, una frequenza di rimbalzo è compresa tra 40 e 60%. Se è superiore al 60%, è perché molti dei tuoi visitatori lasciano senza andare oltre la prima pagina.

Questo articolo si propone di aiutare in questo processo, mantenendo una frequenza di rimbalzo accettabile, e spiegando come migliorare il vostro sito.

10 consigli per ridurre la frequenza di rimbalzo

Pubblicità invadente e fuori tema

I vostro banner pubblicitario, deve essere in una posizione discreta che non interferisce con la navigazione di Internet. Non trasmettere pubblicità con contenuto sessuale, violenza, truffe … Deve rimanere nel tema del tuo sito web o blog.

La grafica del tuo sito

La Vetrina sul tuo sito. Se non hai una grafica visivamente accattivante, gli utenti rischiano di non entrare o abbandonare il sito molto rapidamente. Quindi, pensa alla tua opera grafica senza eccedere per non essere troppo pesante visivamente, non mettere troppi colori, in modo che l’utente possa concentrarsi sul testo e sulle immagini. D’altra parte, se il sito è piacevole da guardare, l’utente e desideroso di tornarci e leggere il suo contenuto.

Tempo di caricamento della pagina

Si tratta di un criterio molto importante richiesto da Google. E ‘ancora più importante per i siti di e-commerce.
Si raccomanda di avere una velocità di caricamento delle pagine inferiori a 2 secondi. Molti strumenti consentono di testare la velocità di caricamento delle pagine.
Ecco alcuni link ai tuoi strumenti di controllo delle prestazioni del sito:

Se si diminuisce il tempo di caricamento di almeno il 2% è possibile ridurre la frequenza di rimbalzo dal 20% al 40%.

Versione Mobile o responsive

Oggigiorno, quasi tutti gli internauti, hanno un dispositivo mobile (telefono, tablet …). Questo criterio dunque è da prendere in considerazione se si vuole occupare più spazio sul Web … Puoi scegliere di sviluppare sia una versione mobile o sviluppare il vostro sito responsive.

Strategia SEO: adattare le parole chiave al contenuto del sito web

Le parole chiavi che scegliete devono essere attinenti con il vostro sito: qualsiasi parola chiave deve essere presente come contenuto nel testo. Nel caso in cui l’utente viene da una ricerca di Google (o altro motore di ricerca) e il contenuto della pagina non corrisponde a ciò che è pubblicizzato, i visitatori lasceranno senza cercare di andare oltre.

Scrittura ottimizzata: titoli, contenuti e stili di scrittura

Siate brevi e concisi andando a fornire essenzialmente all’utente le informazioni che cerca. Per i siti di shopping, le informazioni importanti si trovano sulla pagina del prodotto. Sentitevi liberi di portare ricchezza di dettagli, evitando frasi lunghe e fare elenchi puntati per strutturare il contenuto informativo. In materia di e-commerce, il vostro obiettivo principale è quello di provocare l’atto di acquistare in modo più naturale. Non lasciate alcun dubbio all’utente cercando di rassicurarlo e fare in modo che non lasci la pagina.

I collegamenti interni: stimolano a visitare più pagine

Incoraggiare gli utenti a visitare il maggior numero di pagina. Nell’E-commerce sfruttate l’opportunità di cross-selling (vendite incrociate). Dovete lavorare per la vostra rete interna, inserite link ad altre pagine relative al contenuto della pagina iniziale. Date voglia ai visitatori di scorrere il blog!
Per i collegamenti che reindirizzano ad altri siti, è necessario impostare i collegamenti per aprirli in una nuova scheda. Il cambiamento è semplice, veloce da eseguire e consente di mantenere i visitatori sul proprio sito web.

L’ergonomia del sito (navigazione)

Lavorate sulla struttura del sito per consentire all’utente di distinguere chiaramente tra le diverse categorie, pagine, pagine di informazioni, contatti. Infatti, se l’utente non sa dove andare e come arrivarci, si cercherà la soluzione altrove.
Organizza i tuoi contenuti:

  • Header è l’intestazione del tuo sito, che contiene il logo e il menu
  • Sidebar o barra laterale contiene le promozioni, notizie, pubblicità, …
  • Body contiene le informazioni e il contenuto principale del tuo sito
  • Il footer contiene link utili (contatto, condizioni d’uso, sitemap, …).

L’origine delle visite: backlinks

Alcuni utenti possono inserire il link al tuo sito senza che tu lo sappia. Sono molto importanti perché aiutano a migliorare il tuo SEO. Tuttavia, può accadere che i link che puntano al tuo sito sono indirizzati a dei contenuti indesiderati o che provengono da un sito con reputazione scarsa e basso PR (Page Rank). E’ necessario in questo caso, non esitare a contattare l’editore dell’altro sito o lo stesso Google se si considera che il collegamento può arrecarvi danni. Questa metodo si chiama Netlinking.

Pagina 404

Ottimizzate la vostra pagina 404, il 99% del tempo e provocato da questo errore, i visitatori che arrivano in questa pagina genereranno rimbalzo … Due soluzioni sono a vostra disposizione per rimediare a questo:

  • Link posto nella vostra pagina 404 che puntano a contenuti interessanti
  • Impostare un originale pagina 404.
Condividi per aumentare la visibilità del post...
Share on Facebook
Facebook
0Share on Google+
Google+
0Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin
Email this to someone
email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *