Identificare le reali esigenze dei potenziali clienti

Come Identificare le reali esigenze dei potenziali clienti e diventare il leader nella tua nicchia di mercato?

Avviare un progetto web, va bene, ma è preferibile arrivare al successo. Trovato un’idea rivoluzionaria? Pensi di aver creato il sito perfetto? Credete di sapere il vostro mercato? Sei così sicuro?

Per scoprire ciò che realmente accade nella testa dei visitatori, immaginare non è sufficiente. Dobbiamo chiedere, raccogliere e analizzare. Questo può sembrare semplice, ma è essenziale per fare bene. Devi sapere quando, come e dove porre le domande giuste ai tuoi lettori.

Perché cercare di saperne di più circa le loro prospettive?

Con la raccolta di statistiche precise sui potenziali clienti (quali sono i loro profili, i loro dati demografici, i loro bisogni, le loro aspettative …) si impara molto e questi dati sono utilizzati per:

  • un ritratto del tipico cliente (persona)
  • implementare pagine di vendita adeguati
  • proporre le offerte migliori
  • risolvere i suoi problemi nei minimi dettagli
  • sapere se la sua idea di prodotto/servizio sarà efficace
  • sapere se il mercato un ha potenziale interessante

Questo vi aiuterà anche a rispondere a queste domande:

  • Cosa prendono in considerazione i vostri eventuali clienti prima di passare all’atto d’acquisto?
  • quali sono gli obiettivi dei tuoi potenziali clienti e come raggiungerli?

Come agire?

Una volta che si è convinti di non conoscere tutto ciò che riguarda il mercato, occorre lanciarsi. Per questo, dobbiamo sollecitare i clienti è per questo raccogliere risposte costruttive. La sfida è quella di porre le domande giuste al momento giusto.

È qui che entra in gioco la metodologia di Ryan Levesque. In possesso di un dottorato di ricerca in neurologia, Ryan si è specializzato nei sondaggio on-line e sviluppato il metodo ASK, una tecnica molto efficace per conoscere il mercato in profondità, individuando le esigenze specifiche dei clienti.

Il libro è organizzato in sei parti:

  1. Preparazione
  2. Persuasione
  3. Sezioni
  4. Presentazione
  5. Profitto
  6. Basi

Ed ha 4 tipi di indagine da utilizzare nel suo tunnel di vendita:

  1. The ‘Deep Dive’ survey
  2. The ‘Micro-Commitment Bucket’ Survey
  3. The ‘Pivot’ Survey
  4. The ‘Do you hate me’ survey

È possibile ordinare il libro su Amazon.

Quali strumenti utilizzare per raccogliere le risposte?

La soluzione ideale è quella di creare sondaggi. Ad oggi è molto facile crearne uno e non c’è altro tempo da perdere!

La soluzione perfetta per porre domande semplici ai visitatori è: Modal Survey. Disponibile su CodeCanyon per soli $ 27, questo plugin premium di WordPress permette di visualizzare i sondaggi semplici e altamente personalizzabile in tre modi: in sidebar, nei contenuti o in forma di pop-up, con un editor visuale, facile da usare. In alternativa cercare soluzioni gratis su WordPress.org.

Discutere con eventuali clienti

Niente di meglio è andare a incontrare i tuoi potenziali clienti e conoscerli in carne e ossa. Sia davanti a un caffè, a un evento o al telefono, è molto importante conoscere i vostri clienti, andando oltre l’indagine. Potrete così farvi una immagine perfetta della persona: quali sono i suoi gusti, i suoi hobby, il suo modo di parlare, i desideri, gli obiettivi, ecc

SMS marketing

Di recente ho scoperto questa grande soluzione, che consente di effettuare campagne di marketing via SMS, ideale per l’e-commerce. Questo concetto innovativo consente di fare molte cose come ad esempio:

  • ricerche di mercato e di marketing
  • indagini sulla soddisfazione
  • sondaggi
  • concorsi
  • quiz
  • votazioni

l’SMS si impone come alternativa all’email marketing o un’aggiunta molto interessante ancora poco sfruttato nel mercato italiano.

Questi elementi dovrebbero aiutarti notevolmente durante tutte le fasi del progetto per identificare i bisogni e le aspettative dei tuoi potenziali clienti, scoprire se un mercato è interessante, se il suo futuro prodotto venderà bene o no, fidelizzare e altro ancora.

E voi, cosa ne pensate di questo approccio e queste soluzioni? Ne conoscete altre?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *