Google Plus chiude, come scaricare i dati e le foto

Una violazione della sicurezza determina la chiusura, prevista per agosto 2019

Google si è arreso alle prove, anche se non di sua spontanea volontà. Uno falla sulla sicurezza ha fatto saltare in aria il social network del gigante di Internet, lanciato nel giugno 2011 per competere contro Facebook e Twitter. Sebbene i primi mesi di Google Plus abbiano avuto un enorme successo (43 milioni di utenti registrati in otto settimane), l’interesse per il sito è diminuito a passi da gigante.

Come ancora di salvezza, Mountain View ha imposto l’apertura di un account Google+ agli utenti di Gmail, Hangouts e YouTube , che non hanno contribuito ad aumentare il tempo medio di utilizzo. Di conseguenza, la piattaforma video è stata scollegata nell’estate 2015, quando venne segnalate la violazione sulla sicurezza.

Google stima che i dati di mezzo milione di utenti erano a rischio fino allo scorso marzo, quando la vulnerabilità è stata scoperta e ripristinata. Allo stesso modo, la multinazionale non ha trovato alcuna prove sull’intrusione, cioè, che qualsiasi sviluppatore abbia avuto accesso alle informazioni sensibili evidenziate.

La questione è stata la goccia che ha fatto traboccare il bicchiere nei confronti del social network, che annuncia che nei prossimi 10 mesi, il servizio verrà gradualmente eliminato, con l’obiettivo di scomparire completamente nell’agosto 2019. Gli utenti possono continuare ad accedere fino ad allora, consentendo a uno strumento di recuperare tutti i dati condivisi durante questi anni. La dichiarazione di Google recita:

Nonostante lo sforzo del nostro team di ingegneri nella creazione di Google+, non ha goduto di popolarità tra gli utenti. Attualmente il 90 percento delle sessioni di Google+ raggiunge a malapena i cinque secondi.”

L’impegno dell’azienda, secondo la dichiarazione, è di trasferire parte del valore di Google+ alle aziende, l’obiettivo è quello di costruire un prodotto che funzioni come un “social network aziendale privato”. Su questo fronte Google ha avuto più successo. Google Wave non ha mai funzionato, ma parte del prodotto è diventato Google Docs, che è estremamente popolare.

Google Plus manterrà la sua versione per aziende e professionisti, che si sono dimostrati molto più propensi a gestire i loro contatti attraverso i soliti ambienti di interesse.

Come recuperare i tuoi dati in Google+ con pochi passaggi:

Una semplice opzione è quella di andare allo strumento Google Takeout. Per utilizzare questa piattaforma è necessario accedere dal tuo account Google. In pochi passaggi:

  1. Entra nel sito di Google Takeout con i tuoi dati di Google
  2. Seleziona i dati di Google+ che ti interessano per il recupero: una volta entrati, dovrete scegliere quali dati vi interessano per creare un file scaricabile.
    Se sei interessato solo ai dati del tuo account, clicca su “Deseleziona Tutto” e verranno deselezionati tutti insieme allo stesso tempo. Quindi è possibile selezionare manualmente ciò che si desidera scaricare.
    Puoi scegliere tra: +1, cerchi Google+, community, Hangouts e altro.
  3. Imposta i formati: come vedrete, in alcune di queste opzioni puoi scegliere in quale formato verranno archiviati i dati da scaricare. (HTML, CSV, ecc.) e filtrare la dimensione dell’archivio interessato. È tutto facoltativo
  4. Decidere dove/come conservare i vostri dati. Infine, lo strumento consente di selezionare il luogo in cui memorizzare i dati. È possibile memorizzarli come file .zip o .tgz. Le dimensioni dei file variano da 1GB a 50GB. Il valore predefinito è 2GB.

Una volta che il processo inizia, Google acquisirà i dati in background in modo da poterli caricare automaticamente in ambienti cloud come Google Drive o Dropbox.

Spero che questo post sia stato utile. Se non si è ancora chiaro sul processo di recupero dei tuoi dati Google+, puoi accedere alla pagina della Guida di Google e seguire le istruzioni.

Hai intenzione di salvare i tuoi dati ora o sei uno di quelli che aspetteranno fino al mese di agosto per salvare tutte le tue informazioni?

Condividi per aumentare la visibilità del post...
Share on Facebook
Facebook
0Share on Google+
Google+
0Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin
Email this to someone
email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *