Decide di viaggiare in tutto il mondo, dopo essere diventato un milionario grazie a Snapchat

Qual è la prima cosa che faresti dopo aver guadagnato 45 milioni di euro? acquistare una casa? Una macchina? Per Garret Gee, grazie alla cessione della sua società Scan Inc a Snapchat, ha deciso di viaggiare in tutto il mondo e condividere tramite social.

Garret Gee, 25 anni ex studente di industrial design alla Brigham Young University, ha fondato con due soci l’azienda Scan Inc, sviluppatore di applicazioni mobile che esegue la scansione dei codici QR. Nel 2014 i tre uomini vendono la loro azienda a Snapchat per 45 milioni di euro e ora Gee dedicato anima e corpo alla sua nuova occupazione: The Bucket List Family.

Con i profili su Instagram e YouTube, The Bucket List Family è una sorta di quaderno, dove il giovane milionario, racconta le loro avventure in giro per il mondo. Garrett, con la moglie Jessica e i loro figli Dorothy e Manila, hanno trascorso mesi a visitare luoghi esotici come Tonga, Byron Bay, Tahiti, Nuova Zelanda e Bali.

Così, foto e video pubblicati sui loro profili social, la pagina Instagram ha già più di 98mila follower, sono un record autentico di immagini che provocano l’invidia di chiunque. Nuotare con gli squali, tartarughe giganti o prendere il sole sulle spiagge di sabbia bianca è ciò che mostrano alcune delle foto in queste istantanee di famiglia.

Anche se questo viaggio doveva durare solo nove mesi, la famiglia Gee ha deciso di passare più tempo in giro per il mondo. Il giovane ha dichiarato che lui e sua moglie non erano disposti a passare la loro vita in un unico posto.

Nonostante l’entusiasmo, questo splendido viaggio non è stato esente da pericoli. Garret è stato infettato dal virus Zika e in Thailandia Dorthy si è ferita ed è stata portata in ospedale. Ma tutto è andato per il meglio.

Condividi per aumentare la visibilità del post...
Share on Facebook
Facebook
0Share on Google+
Google+
0Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin
Email this to someone
email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *